Sedici temerari hanno scalato le sette vette più alte delle Alpi Liguri /FOTO E NOMI

Imperia - Nuovo appuntamento con "Seven Summits Challenge". L'impresa compiuta con Lorenzo Gariano, l'imperiese capace di scalare le sette vette più alte del mondo. Partenza a Ormea e arrivo a Monesi di Triora

lunedì 30 luglio 2012 09:04 : Cultura & Tempo Libero : Nessun commento : Foto Foto
Bookmark and Share

Sedici "finisher", uno in più dello scorso anno, per la quarta edizione del Seven Summits Challenge, impegnativa due giorni alla conquista di sette delle cime più alte delle Alpi Liguri, ai confini tra le province di Imperia e Cuneo, a due passi dal confine con la Francia. L'iniziativa, tesa a valorizzare il ricco patrimonio naturale e montano dell'entroterra ligure, si è svolta nei giorni scorsi con l'organizzazione della sezione di Imperia Alpi Marittime del Club Alpino Italiano e dell'Associazione Oltre, in collaborazione e con il patrocinio di Assessorato al Turismo della Provincia di Imperia, Comune di Ormea, Pro Loco di Ormea, Associazione Alta Via dei Monti Liguri, Csen e Monesi Young.
Il gruppo, guidato da Lorenzo Gariano, forte della sua esperianza sulle cime più alte di tutti i continenti, per la prima volta è partito da Ormea, mentre il festoso arrivo, come di consueto, è stato consumato a Monesi di Triora.
Queste le vette conquistate dai bravissimi "trekker" in due giorni: Pizzo d'Ormea (2.476 m), Monte Mongioie (2.630 m), Cima delle Saline (2.612 m), Punta Marguareis (2.651 m), Monte Bertrand (2.482 m), Cima Missun (2.356 m) e Monte Saccarello (2.200 m). Durante le due giornate i partecipanti, che hanno fatto tappa a metà percorso presso il Rifugio Don Barbera di Colle dei Signori, sono stati assistiti a distanza da un mezzo 4x4.
Questi i nomi dei sedici protagonisti, alcuni dei quali giunti dall'estero, che insieme a Lorenzo Gariano hanno preso parte all'affascinante sfida: Enrico Borgotallo, Francesco Goggi, Stefano Sciandra, Giacomo Berio, Patricia Serraillier, Patrice Gambini, Cliff Dargonne, Maurizio d'Antonio, Ludovico Ramella, Daniele Fruttero, Riccardo Costamagna (il più giovane ed unico minorenne), Fabrizio Brundu, Tommaso Gibertini, Giovanna Ammirati, Antonietta Garibbo e Carlo Malinverni. Assistenza logistica: Giuseppe Franciosi.
Si tratta del numero più elevato di partecipanti fatto registrare sinora. Oltre alla bellissima t-shirt ricordo griffata "Haglofs" ed all'attestato di merito, ai finisher, stanchissimi ma molto soddisfatti per la fantastica esperienza, è stata consegnata una confezione di prodotti tipici della linea "Sapori e dintorni" di Conad. Altri partner del Seven Summits Challenge: Fratelli Carli, Pastificio Fratelli Porro, Mare Sport, Cantina Case Rosse e Bar La Vecchia Partenza.
Al di là del valore fisico ed atletico dell’impresa, il Seven Summits Challenge ha rappresentato anche  quest'anno un'occasione per scoprire il meraviglioso ambiente delle Alpi Liguri ed ammirare il Mar Ligure da terrazze d'eccezione. Nel salire e scendere dalle montagne incontrate lungo il percorso, si aprono squarci di rara bellezza nei quali, alternandosi tra aspre rocce e boschi rigogliosi, spicca una biodiversità unica al mondo. Solo in questa zona dell’Italia, infatti, si può camminare oltre i "duemila" e godere di queste incantevoli vedute.
Il Seven Summits Challenge lascia ora spazio alla Imperia-Limone, altro appuntamento per camminatori esperti, messo in calendario dall'Associazione Monesi Young, e dal Grande Trekking Alpi Liguri della Pro Loco di Mendatica.

scritto da C.S.